Il generale Mario Mori: “Voglio vedere morti i miei persecutori”

Il generale Mario Mori: “Voglio vedere morti i miei persecutori”

 

-Redazione– “Io mi devo curare, e curare bene, perché devo vedere morire questa gente”.

 Non usa mezzi termini il generale Mario Mori intervistato dal direttore del Tempo Gian Marco Chiocci. “Questa gente” sono i suoi “persecutori“, quelli dell’antimafia che lo hanno accusato di collusione con la criminalità organizzata.

A Roma è stato presentato un docu-film realizzato da Ambrogio Crespi, scritto dal colonnello Giuseppe de Donno (che fu collaboratore del generale) e con l’ex segretario dei Radicali Giovanni Negri  Mario Mori. Un’Italia a testa alta dove ai procedimenti a suo carico si affianca l’assoluzione per quella sua presunta ritardata perquisizione del covo di Riina, per il presunto favoreggiamento a Provenzano.

Resta solo il processo sulla trattativa Stato -Mafia. 

“Quando seppi che ero indagato, tornai a casa la sera e sul subito non dissi nulla a mia moglie e i miei figli. Poi, verso la fine della cena, fu lei a chiedermi spiegazioni, perché l’aveva sentito in tv. Io le risposi: dobbiamo affrontare tutto con la serenità di chi è dalla parte del giusto. Queste cose si affrontano con il cervello, anche se poi quel che provi dentro è del tutto personale”.

22 dicembre 2017

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)